venerdì 7 ottobre 2016

Recensione: Asylum, di Madeleine Roux

Buongiorno e benvenuti alla prima recensione in tema Halloween di quest'anno!
Non mi è piaciuto granchè, lo ammetto, perciò ci saranno dei dolcetti alla fine del post per compensare, sigh.

Titolo: Asylum (Asylum #1)
Autore: Madeleine Roux
Editore: HarperTeen
Pagine: 313
Consigliato: ni

Trama:

For sixteen-year-old Dan Crawford, New Hampshire College Prep is more than a summer program—it's a lifeline. An outcast at his high school, Dan is excited to finally make some friends in his last summer before college. But when he arrives at the program, Dan learns that his dorm for the summer used to be a sanatorium, more commonly known as an asylum. And not just any asylum—a last resort for the criminally insane.

As Dan and his new friends, Abby and Jordan, explore the hidden recesses of their creepy summer home, they soon discover it's no coincidence that the three of them ended up here. Because the asylum holds the key to a terrifying past. And there are some secrets that refuse to stay buried.

Featuring found photos of unsettling history and real abandoned asylums and filled with chilling mystery and page-turning suspense, Madeleine Roux's teen debut, Asylum, is a horror story that treads the line between genius and insanity.


Recensione:

 

 "No great mind has ever existed without a touch of madness."


Come sapete, nel periodo che precede Halloween mi piace leggere e recensire e quindi magari consigliarvi (o meno) dei libri horror o almeno in tema con la festività.
Quest'anno la prima lettura è stata Asylum, che dalla copertina promette bene. Insomma, è abbastanza creepy, no?

Ma come sempre, promette e non mantiene.
Al suo interno sono inserite alcune foto che dicono provengono da veri asylum, cioè manicomi, ma alcune non centrano niente con il contesto e altre sono palesemente photoshoppate.


Il libro scorre velocemente perchè i separatori dei capitoli occupano una pagina o anche due, poi ci sono le foto, le lettere e le pagine scritte grosse e poi il livello di intelligenza delle parti non propriamente horror è tale che volano via come se niente fosse.
Dan, il protagonista, frequenta questo corso preparatorio al college in questo posto chiamato Brookline, un edificio che una volta era un manicomio. E già lì io mi farei qualche domanda e probabilmente non ci entrerei.
Lì conosce Abby e Jordan, e diventeranno subito grandissimi amici. Una cosa che infatti stona moltissimo è l'insta love e l'insta frendship: tutti subito amicissimi, fidanzatissimi, ecc...
Dan è piuttosto noioso. Abby è carina e intelligente, l'Hermione del gruppo. Jordan è una macchietta, sempre geloso o arrabbiato, un po' stereotipato, vista la sessualità del personaggio.


Dan però inizia a fare sogni reali su quel posto, a trovare foto inquietanti sui serial killer che venivano curati lì dentro, così i tre amici decidono di esplorare l'ala proibita.
Verso pagina 60 ho pensato: sta a vedere che è Shutter Island per giovani.

"Insanity is relative. It depends on who has who locked in what cage."

 
No, non lo è. Magari, perchè sarebbe stato sicuramente molto più interessante e pauroso, ma asylum mischia troppo fatti insignificanti, come la mensa scolastica, e cosa mangia Dan a pranzo e a colazione, e la montagnola di mac & cheese che fa mentre sta pensando (se non li mangi dalli a me caro, ne vado matta!) a scene più thriller che però scorrono troppo velocemente per lasciare realmente dei brividi. E col passare delle pagine tutto diventa sempre più piatto.


Vi dico come mi sarebbe piaciuta la trama: Dan in realtà è un paziente dell'asylum e crede solamente di essere uno studente, così come Abby (la ragazzina sottoposta a lobotomia di cui trovano la foto appesa al muro del vecchio ufficio), così come Jordan, oppure Dan, Abby e Jordan sono reincarnazioni/posseduti dai fantasmi dei pazienti morti lì e cercano vendetta.
Così si sarebbe stato emozionante. 

Invece non c'è niente di tutto questo. Ci sono rimasta malissimo, mi sembra di aver letto il nulla.
Non lo consiglio a chi è avvezzo a thriller/horror, perchè lo troverebbe insipido. Chi invece magari non ne legge spesso potrebbe trovarlo di suo gradimento.
Di sicuro è un'altra serie che non preseguirò.

Voto:


6 commenti:

  1. Nooooooo :( Lo punto da parecchio e avevo intenzione di leggerlo in questo periodo ma... mi sa che ci penserò bene! Non escludo di leggerlo, ma abbasserò di parecchio le aspettative!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mi spiace, ma mi ha deluso molto ç_ç

      Elimina
  2. Adoro i biscottini creepy! *w* Ti dirò, dovevo averlo beccato su qualche blog o forse proprio su Goodreads, attirata dalla cover, ma le recensioni non erano molto positive e quindi ho desistito, e dalla tua review mi sa che ho fatto bene. Certo che se la storia avesse preso la piega che hai ipotizzato tu sarebbe stato interessantissimo da leggere! :D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Hai fatto proprio bene, invece io sono stata catturata dalla cover.

      Elimina
  3. Cavoli peccato :c lo avevo adocchiato tempo fa... per fortuna ho lasciato perdere >.<

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Alla fine non merita granchè, anche se la copertina attira molto!

      Elimina